Istantanee dalla Costa Smeralda

Un paradiso naturale. Un parco giochi per ricchi. La Costa Smeralda (sponda nord est della Sardegna) è questo e tanto altro ancora. Continua a celare una doppia identità, anche sotto il sole cocente dell'estate. Innanzitutto il nome: smeralda come il colore del mare? Certo. Smeralda come risposta all'Azzurra costa francese? Anche. Ma soprattutto, Smeralda come la figlia dell'industriale che acquistò l’isola di Mortorio per 3 milioni di lire da un tabaccaio di Arzachena. Qui c'è molto più di quanto si sappia e di quanto si veda.

Per Fabrizio De Andrè era "Monti di Mola", omaggio al dialetto gallurese. Nell'omonimo brano raccontò la storia d'amore impossibile tra un uomo e un'asina bianca. Impossibile non per la differenza di specie, bensì per la parentela tra i due promessi sposi.

Perché c'è sempre qualcosa di inspiegabile all'interno della più evidente natura. Proprio come tra i sassi rosa della meravigliosa Costa Smeralda.


Maristella Mantuano




Every picture is protected by copyright and trademark law and other related intellectual property rights. Copyright, in the pictures as owned by Victor Liotine. The pictures are also protected by moral rights. The owner asserts his moral right to be identified as the author wherever and whenever his photographs are copied or distributed by any means