• Disneyland Paris @Disney
  • Disneyland Paris @Disney
  • Disneyland Paris @Disney
  • Disneyland Paris @Disney
  • Disneyland Paris @Disney
  • Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • Halloween al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • It’s a small world al Disneyland Paris @Disney
  • SeaLife Paris @ SeaLife Paris
  • SeaLife Paris @ SeaLife Paris
  • SeaLife Paris @ SeaLife Paris
  • SeaLife Paris @ SeaLife Paris
  • SeaLife Paris @ SeaLife Paris
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Maison Favart @Maison Favart
  • Paris - Beauvais Airport @Paris - Beauvais Airport
  • Paris - Beauvais Airport @Paris - Beauvais Airport
go back

Parigi da paura? Visitatela ad Halloween a cominciare da Disneyland e Sealife

A Parigi si va da fidanzati per giurarsi eterno amore. Da sposati per festeggiare l’anniversario. Da genitori per portare i bambini (così si dice, ma poi si divertono anche i grandi) a Disneyland.

Quale occasione migliore di Halloween?

Dal centro ci si arriva comodamente in treno (metro + RER) in una quarantina di minuti (anche se i biglietti costicchiano: una quindicina di euro non sono pochi per una tratta così breve). Visitare il Parco in questo periodo dell’anno può rendere più brevi le attese e piacevole la visita. Se pioviggina, ancora meglio: molti demordono. Sempre che non vogliate acquistare il Fast Pass (molto comodo per saltare – o quasi- le file, ma pima controllate vi interessino le attrazioni che consentono di usufruirne).

Dal 1 ottobre al 4 novembre 2018, in occasione di Halloween, oltre che del 25° anniversario del Parco e del 90° compleanno di Topolino, un Festival a tema con show dei Cattivi Disney, parata di maschere e carri e tanti scherzi da brivido. Il 31 ottobre si potrà festeggiare rigorosamente in maschera fino a notte fonda, approfittando fino alle 2 pm. Halloween a parte, del resto è il luogo magico per eccellenza, dove tutto, dalla musica alle ambientazioni, dai colori ai profumi, è allo stesso tempo storia ed immaginazione.

A proposito di storia: l’attrazione che in assoluto è rimasta più nel cuore delle nostre piccole è certamente la senza tempo “It’s a small world” (“Piccolo mondo” in italiano). Una delle più “anziane”, ma certamente anche una delle più emozionanti. Si attraversa in barca tutto il mondo in 15 minuti. Ogni nazione è rappresentata nei colori e nei luoghi emblematici, oltre che animata da bambole che cantano e danzano indossando gli abiti tipici di quel Paese (pur avendo volti identici proprio a sottolineare l’uguaglianza al di là dei confini geografici e culturali). L’attrazione fu ideata e realizzata su volontà di Walt Disney in persona, in occasione dell’Esposizione Universale di New York del 1964 (fu ospitata nel padiglione dell’Unicef). La canzone che si ascolta per tutta la durata della visita, in lingue diverse a seconda del Paese rappresentato, è una delle più note e cantate del mondo (oltre ad essere l’unica Disney senza copyright, per esplicita richiesta dell’Unicef, quindi liberamente riproducibile e diffondibile). L’attrazione è facile da riconoscere anche per l’eccentrica facciata esteriore: un orologio in perpetuo movimento e giocattoli in legno formato gigante suonano e si muovono al ritmo della stessa canzone. Alle spalle dell'orologio un complesso diorama rappresenta il colorato skyline di una città immaginaria, nella quale sono riconoscibili però la Tour Eiffel e la Torre di Pisa.

Alle tante famiglie con bimbi piccoli, come noi, suggeriamo, infine, una puntatina nel Baby Care (alla fine della promenade sulla destra). Troverete seggioloni, sedie a dondolo per l’allattamento, giocattoli, forni a microonde, fasciatoi e mini bagni: tutto per il cambio, la pappa ed in generale il benessere degli ospiti più piccoli. All’interno anche un angolo lost&found dedicato ai giocattoli ed uno shop con pappe pronte, pannolini, salviette, etc. E per i genitori che vogliono provare (a turno perché uno resti coi piccoli) le attrazioni per adulti anche il servizio Baby Switch per non fare due volte la fila. E ancora: noleggio passeggini, baby sitting negli hotel del Parco, scalda biberon, menù baby e fasciatoi in tutti i ristoranti. Insomma tutto doverosamente a misura di bambino (e di genitore) perché la visita sia davvero piacevole per tutti.

A una sola fermata di RER dal Disneyland Paris, nello splendido centro commerciale Val d’Europe, non lasciatevi sfuggire l’occasione di fare un tuffo nei mari di tutto il mondo. Nel Sealife Paris, acquario che ospita circa 3mila pesci di 300 specie diverse, ma anche cavallucci, stelle, coralli e tartarughe, si può vivere l’esperienza emozionante di attraversare un tunnel trasparente, circondati dagli squali, di ammirare l’aurora boreale mentre i pinguini si tuffano (a pancia piena!) nelle gelide acquee dell’isola antartica, o di incrociare a pochi cm gli occhietti delle razze nella grande vasca centrale. Un luogo interessante per gli adulti ma anche appositamente studiato perché la visita sia divertente ed educativa anche per i più piccoli: proprio all’ingresso è a disposizione dei piccoli ospiti un playground a più piani e all’interno abbondano installazioni interattive, spazi gioco e corner per colorare le creature del mare appena viste dal vivo. Halloween arriva anche in fondo al mare: dal 17 ottobre al 7 novembre per un intero spazio sarà dedicato alla costruzione speciale LEGO e ci si potrà cimentare in un percorso d’animazione con un enigma da risolvere. Solo chi ci riuscirà sarà insignito del titolo di “subacqueo professionista”.

Ultima dritta. Parigi è servita da tre aeroporti: Charles de Gaulle, Orly e Beauvais . Noi siamo atterrati in quest’ultimo ed abbiamo raggiunto la città direttamente con la navetta diretta per e da Port Maillot (). La comodità è che parte in abbinamento ai voli. Insomma zero attese, una gran comodità. Per lo stesso motivo è importante scegliere bene anche dove soggiornare. Deliziosa la Maison Favart, hotel 4 stelle di fronte dedicato alla coppia più famosa del teatro parigino: Charles-Simon Favart, direttore dell’Opéra comique, e la giovane attrice Justine Duronceray. Solo 39 camere (la nostra era una duplex con soppalco e due bagni, perfetta per famiglie) ed un’atmosfera settecentesca rivisitata con gusto e cura del dettaglio. C’è anche una piccola piscina con cascate e candele, circondata da sala fitness, sala massaggi e sauna. In alternativa, sul portale Airbnb, tante abitazioni. Noi abbiamo scelto un appartamento familiare nel XX arrondisement. Pieno di giocattoli, luminoso, nuovo ed arredato con grande gusto. E a due passi dal monumentale cimitero di Pere Lachaise, dove riposano i grandi di Francia e non solo.

C’è così tanto da fare a vedere a Parigi che ogni minuto è prezioso.

Per info: www.parisinfo.com


Testi  Maristella Mantuano




Every picture is protected by copyright and trademark law and other related intellectual property rights. Copyright, in the pictures as owned by Victor Liotine. The pictures are also protected by moral rights. The owner asserts his moral right to be identified as the author wherever and whenever his photographs are copied or distributed by any means